martedì 18 gennaio 2011

Inventori vittime di truffatori di brevetti

Gli inventori olandesi sono stati truffati di migliaia di euro. Leggendo sulle banche dati online i brevetti pubblicati dall'ufficio brevetti olandese, è possibile infatti conoscere se e in quali stati sarà richiesto un brevetto relativo l'invenzione appena brevettata in Olanda. I truffatori hanno quindi mandato agli inventori falsi conti da paesi quali l'Irlanda, la Polonia o la Romania che gli ignari inventori hanno saldato, pensando fossero necessari per potersi registrare in quei paesi.
L'articolo di AD Nieuws* riporta inoltre che l'istituto dei mandatari olandesi consiglia di andare da un mandatario prima di pagare un conto.

*Fonte: AD Nieuws, Uitfinders de dupe van octrooiboeven, 24.12.2010

2 commenti:

  1. Se siete un inventore privato e vi accingete a proporre il vostro ritrovato, sappiate che per le grandi aziende è facilissimo rubarvelo. Io proposi il mio alla Fiat dieci anni fa e me lo sono ritrovato "circolante" cinque anni dopo e le possibilità che possa indurre la Fiat a pagarmelo sono pressoché nulle. Seguite la mia storia e sarà tempo ben speso. La tecnologia ibrida doppia frizione con motore elettrico nel mezzo è stata “mutuata” da un brevetto che la Fiat non ha mai voluto acquistare, ma soltanto spudoratamente copiare. Questa soluzione ibrida sarà un’architettura basica nel programma automobilistico elettrico e ibrido della Chrysler. Invito nel mio blog dove “vitalità” e disinvoltura dei progettisti Fiat appaiono in piena evidenza: http://propulsoreibridosimbiotico.blogspot.com/. Se le industrie possono permettersi impunemente di copiare le idee, in quanto per difenderle occorrono cause costosissime, a cosa servono i brevetti? Come difendere i diritti degli inventori privati? Come possono i nostri giovani trovare coraggio intellettuale se i potentati economici schiacciano i diritti dei singoli? Se vi accingete a richiedere un brevetto oppure proporlo ad un’azienda, la mia esperienza con la Fiat può esservi utile per muovervi con migliore circospezione. Il mondo moderno è sempre più complesso e intricato e i furbi vi si muovono con disinvoltura. Non bisogna favorire le pratiche disoneste: sebbene possiamo trarne nulla avremmo almeno lottato per un'etica giusta. Ulisse Di Bartolomei

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina